RMS per il Sociale

La vocazione sociale di Roma Multiservizi risale già all’atto della sua istituzione, quando il Comune di Roma stabilì che l’Azienda dovesse nascere al duplice scopo di assicurare elevati livelli di sicurezza e igiene negli istituti scolastici e di contribuire al reinserimento di lavoratori in mobilità e disoccupati di lungo periodo in attività socialmente utili.

Negli anni, l’impegno di Roma Multiservizi nel sociale è stato coltivato con passione fino a includere, nel 2006, la realizzazione di una scuola a Maputo, in Mozambico, come gesto di solidarietà concreta che ha coinvolto direttamente un gruppo di dipendenti dell’azienda. Nel 2012, inoltre, RMS ha avviato una collaborazione con la UM Onlus per la realizzazione del progetto “Le donne di Butare”, contribuendo alla costituzione di una cooperativa sociale in quella che un tempo era la capitale del Rwanda, allo scopo di aiutare le donne del luogo a instaurare micro-dinamiche di sviluppo economico sostenibile.

  1. Il Progetto Roma-Maputo andata e ritorno

    L’impegno di Roma Multiservizi per l’Africa è il simbolo delle attività sociali e di solidarietà dell’Azienda. Insieme alle istituzioni locali, RomaMultiservizi è protagonista di Roma-Maputo andata e ritorno, un grande progetto che si propone di migliorare le condizioni di vita per i bambini e gli abitanti della Capitale del Mozambico. Spinti dalla voglia di cambiare le cose nella ex colonia portoghese, che vive in condizioni di grande povertà, nel febbraio 2006 un gruppo di nostri operatori ha costituito l’associazione “Gruppo Lavoratori di Multiservizi” e, con i propri guadagni, ha contribuito alla costruizione della scuola primaria di Sibacusse, in provincia di Maputo: un impegno davvero oneroso per dei lavoratori a basso reddito, ripagato dall’enorme soddisfazione di avere concretamente aiutato a crescere molti bimbi africani.

    Tra le iniziative pro-Africa cui ha partecipato l’Azienda insieme al “Gruppo Lavoratori di Multiservizi” nell’ambito del progetto Roma-Maputo, è giusto evidenziare l’iniziativa di raccolta fondi “Svuota la cantina e disseta un bambino” che ha consentito la realizzazione di un piccolo acquedotto ecologico. Grazie a una pompa alimentata da un pannello solare, ora la scuola e la comunità circostante dispongono dell’acqua e non devono più rifornirsi a molti chilometri di distanza.

    Attualmente l’Azienda e i suoi lavoratori sostengono la campagna di Roma-Maputo “Domani è un altro giorno” per lo sviluppo del Centro di Accoglienza 1° de Maio,che ospita neonati e bambini fino a 7 anni orfani, abbandonati, dispersi, ammalati. Nonostante abbia una capienza di 50 bambini, l’istituto ne accoglie molti altri: disabili, con malattie mentali, sindrome di down, e affetti da AIDS

  2. Attività di sponsorizzazione

    Oltre a sostenere grandi eventi di valenza sociale come Roma-Maputo, andata e ritorno, Multiservizi ha scelto di patrocinare attività di singole associazioni che operano a favore della città Roma. In questo senso l’Azienda ha incentivato alcune iniziative della Caritas e dell‘associazione di Protezione Civile “VII gruppo – Onlus”, che ogni giorno lavorano al servizio dei cittadini più deboli.

    Il logo di RomaMultiservizi, inoltre, marca diverse attività di carattere sportivo. A partire dalla Maratona di Roma, uno degli eventi agonistici più importanti a livello nazionale, fino alle iniziative più piccole mirate alla promozione della sicurezza nello sport, come quelle organizzate dalla Fondazione Onlus Giorgio Castelli.

    Infine, in qualità di Società mista a partecipazione comunale, RomaMultiservizi ha partecipato alla sponsorizzazione di alcune iniziative del Campidoglio quali la stampa e la diffusione delle mappe dei percorsi ciclopedonali di Roma, la festa del Carnevale per l’apertura del nuovo Parco Tiburtino in V municipio e il progetto M’Imprendo promosso dal dipartimento comunale al lavoro allo scopo di favorire lo sviluppo locale e l’occupazione dei giovani.

Approfondimenti